Comune di Civitella in Val di Chiana
Comune di Civitella in Val di Chiana medaglia d'oro al valore civile
martedý 26 settembre 2017  Meteo Meteo

4 - Chiesa di Santa Maria
Chiesa di Santa Maria Tour virtuale Civitella
Torna al Tour Virtuale

 Italiano
Chiesa di Santa Maria
Risalente all’anno mille, la Chiesa di Santa Maria fu finita di costruire nel 1252. Di impronta romanica, è stata oggetto di ampliamenti e rimaneggiamenti. Durante il restauro del 1765, furono eliminati i pilastri in pietra in stile romanico e nei primi anni del Novecento venne ampliata. In seguito ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, l’intera torre campanaria è stata ricostruita. La facciata in pietra, in linea con la tradizione toscana si presenta in tutta la sua semplicità, oggi impreziosita dal portale in bronzo, opera dell’artista fiorentino Bino Bini. La “porta della pace” ha una duplice valenza: se da una parte ricorda fatti storici realmente accaduti come l’eccidio, dall’altra risalta il significato della metafora del “Buon Pastore” che si sacrifica per il suo popolo e ripropone l’episodio biblico di Caino ed Abele, in tema col massacro. Internamente siamo di fronte ad una costruzione a tre navate. La navata centrale si snoda lungo un gioco di archi fino ad arrivare alla zona dell’abside, anch’essa un rifacimento post-bellico. Interessanti le grandi vetrate novecentesche, opere di artisti contemporanei. Lungo la navata di destra, superata la sacrestia, possiamo scorgere in parete un dipinto attribuito a Teofilo Torri, importante artista aretino di fine XVI e inizio XVII secolo.

Inglese
Church of Santa Maria
Dating back to the 11th century, the Romanesque church of “Santa Maria” was completed in 1252. During ts restoration in 1765, the big stony pillars were removed, and at the beginning of the 20th century, the church was enlarged. After the bombing of the world war II, the bell-tower was rebuilt. The simple stony façade, of Tuscan tradition, is today enriched with the bronze portal, a contemporary work of art by the Florentine artist Bino Bini. The “porta della pace” (door of peace) has a double meaning: on one hand it evokes the massacre committed during the war, on the other hand it points out the meaning of the metaphor of the “good shepherd”, who sacrifices himself to redeem his disciples. Furthermore, he proposes the biblical episode of Abel and Cain, associating it to the massacre. Inside, the building is divided into three naves. The central one develops along a row along a row of columns and arches leading to the apse, which was rebuilt after the war. The big windows decorating the apse are an interesting contemporary work of art. Along the nave on the right, there is a painting by Teofilo Torri, an important artist who lived and worked in Arezzo at the end of the 16th century and the beginning of the 17th century.


Comune di Civitella in Val di Chiana - 52041 Badia al Pino (AR) Via Settembrini, 21 - Telef. 05754451, Fax 0575445350
E-mail: comune@civichiana.it, PEC civichiana@postacert.toscana.it, IBAN: IT65C0103071451000000135112, CF e PI: 00259290518

Note legali | Privacy

Powered by Artel S.p.a. - http://www.ar-tel.it